AIUTO: SARS mi ha dato una penalità per le vecchie dichiarazioni dei redditi

Posted 10 August 2017 Undertaxtim’s Blog
Quindi, hai recentemente presentato le tue dichiarazioni dei redditi e poco dopo averlo fatto ricevi un messaggio che ti informa sulle sanzioni amministrative che ti sono state addebitate. Questo è stato uno shock, se non una preoccupazione, per molti contribuenti. Quindi, siamo stati inondati da un sacco di domande da parte dei contribuenti che chiedono queste sanzioni che sono state addebitate contro di loro. Fortunatamente, sarete in grado di lavorare attraverso queste accuse improvvise. Qui di seguito abbiamo evidenziato le cose che dovete sapere così come i modi in cui è possibile gestire queste sanzioni.
Quando vengono addebitate le sanzioni?
Se non si riesce a presentare una dichiarazione dei redditi, la SARS può addebitare una sanzione amministrativa che può variare da R250 a R16,000 al mese o da R3,000 a R192, 000 all’anno.
Sembra però, al momento, che la SARS stia emettendo sanzioni più piccole che vanno tra R500 e R2000, ma non sappiamo mai quando questo potrebbe cambiare.
Il modo più semplice per evitare che la SARS emetta una penalità per i rendimenti in sospeso sarebbe quello di presentare la dichiarazione dei redditi ogni anno. Piuttosto essere prudenti che dispiaciuti.
Qual è il problema che stiamo vedendo per le dichiarazioni dei redditi 2017?
Molti contribuenti stanno ricevendo sanzioni per le vecchie dichiarazioni dei redditi non compilate anche se non erano tenuti a presentare dichiarazioni dei redditi sulla base dei due motivi spiegati alla fine di questo blog. I contribuenti, dopo aver presentato il loro ritorno 2017 vengono improvvisamente emessi avvisi di penalità per i rendimenti in sospeso per gli anni precedenti.
Il problema di molti contribuenti, tuttavia, è che potrebbero non avere più i documenti necessari per dimostrare che non avevano bisogno di presentare una dichiarazione dei redditi. La regola di cinque anni, in cui i contribuenti devono mantenere la loro prova documentale si riferisce solo alle dichiarazioni che sono state depositate e valutate. Quindi, se non è stata richiesta alcuna dichiarazione dei redditi, in primo luogo, non c’è alcuna regola per conservare i documenti.
Tutto ciò è comprensibilmente molto frustrante per i contribuenti che sono effettivamente conformi al 100% alla legge. Negli avvisi di amministrazione delle sanzioni emessi dalla SARS, stanno consigliando ai contribuenti di presentare ancora la dichiarazione dei redditi per quegli anni in sospeso.
Se siete in questa situazione non c’è bisogno di preoccuparsi, ci sono modi per affrontare questa frustrazione.

Passaggio 1: Invia la tua dichiarazione dei redditi in sospeso
Se non riesci a ricordare o ottenere gli importi guadagnati in quegli anni, invia ciò che puoi. I contribuenti spesso presentano un ritorno Rnil in modo che almeno il ritorno è stato presentato con la SARS.
Fase 2: Contestare l’importo della sanzione emessa dalla SARS.
Cosa fare se hai ricevuto una penalità per un anno che non eri tenuto a presentare?
La prima cosa che devi fare è presentare una “Richiesta di remissione” che può essere fatta seguendo questi semplici passaggi qui sotto, su SARS eFiling:
1. Accedere a eFiling
2. Fare clic sulla SCHEDA RESI
3. Navigare verso il basso il menu a sinistra per “Controversie”
4. Fare clic su Nuovo
5. Selezionare il tipo di imposta, ovvero Imposta sul reddito
6. Selezionare l’anno fiscale, ad esempio 2016
7. La schermata successiva vi porterà alla lista delle sanzioni, selezionare la voce che si sta contestando e l’importo che si desidera contestare
8. Digitare i motivi della controversia,ad esempio “Non è stato necessario presentare una dichiarazione dei redditi perché ho guadagnato R60, 000 per 2016 che è inferiore alla soglia fiscale.”
9. Allegare documenti giustificativi se si dispone di questo a disposizione ad esempio il vostro 2016 IRP6 che riflette R60,000 guadagni per l’anno
10. Seleziona Avanti e verrà visualizzata la pagina “Riepilogo”.
11. Se sei soddisfatto delle informazioni visualizzate, inserisci “Invia” per inviare alla SARS.

Se la “Richiesta di remissione” non è consentita completamente o solo parzialmente, è possibile contestare questo risultato presentando un’obiezione.
Se la tua obiezione non è consentita completamente o solo parzialmente, sarai in grado di presentare ricorso presentando un ‘Avviso di ricorso’. È possibile accedere a questo modulo tramite il menu Controversia di nuovo, e selezionare “Avviso di ricorso” come tipo di controversia. Ti verrà data la possibilità di risolvere il ricorso tramite un “Processo di risoluzione alternativa delle controversie” o un processo di “Contenzioso”. Selezionare un’opzione, inserire il motivo e poi continuare alla pagina di riepilogo e di inviare.
Ricorda, possono essere necessari fino a 60 giorni per la SARS per esaminare la controversia e l’avviso di completamento da emettere.
Quando non è necessario inviare in base alla SARS?
Ci sono due situazioni in cui, secondo la SARS, i contribuenti non hanno bisogno di presentare una dichiarazione dei redditi:
1. SARS ha comunicato che alcuni contribuenti, che guadagnano uno stipendio lordo di sotto R350,000 all’anno non devono presentare una dichiarazione dei redditi. Tuttavia, per rientrare in questa esenzione, si applica quanto segue: Ciò significa che hai solo un IRP5 con un codice sorgente 3601 e NIENT’altro.
2. Se i tuoi guadagni totali scendono al di sotto della soglia fiscale annuale, non ti verrà richiesto di presentare una dichiarazione dei redditi. Questo è R75, 000 all’anno per il 2017 e R75,750 all’anno per il 2018.
Tuttavia, ti consigliamo vivamente di presentare sempre la dichiarazione dei redditi, sia che sia richiesta o meno. Si prega di leggere i nostri motivi per cui qui.
Questo articole è stato pubblicato in Blogbookbookmark il permalink di TaxTim.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.