FORMAZIONE AZIENDALE

L’istruzione aziendale si riferisce generalmente alla pletora di corsi progettati per fornire agli studenti un numero qualsiasi di competenze necessarie per il successo negli affari, in particolare quelli relativi al lancio e alla gestione delle imprese. Questi spaziano dai corsi avanzati di scienze gestionali e marketing come parte di corsi di laurea-come il master of business administration-ai corsi di dattilografia e computer presi per obiettivi di carriera personali. Community college, università, piccole scuole di business private e organizzazioni professionali / comunitarie offrono corsi di formazione aziendale.

Con una certa attenzione alle questioni teoriche—specialmente nei corsi avanzati per i gradi—le lezioni di formazione aziendale tendono in gran parte a preparare gli studenti a situazioni aziendali reali e sottolineano tecniche e metodi pratici e utilitari per condurre affari. Le richieste e le tendenze del mercato di solito guidano i programmi di formazione aziendale, dettando i tipi di classi offerte e il loro quadro teorico. Ad esempio, l’enfasi prevalente sul lavoro di squadra da parte delle aziende negli 1990 ha portato i programmi di formazione aziendale a insegnare il lavoro collaborativo e le capacità di gestione.

Mentre il numero di major aziendali si è ridotto negli anni ’60 a circa il 13%, è rimbalzato negli anni’ 80 rappresentando quasi il 25% di tutte le major universitarie. Inoltre, l’interesse per la formazione aziendale ha continuato a crescere negli 1990. A causa di un eccesso di titolari di laurea aziendali prodotti durante questo periodo, tuttavia, le imprese e gli educatori aziendali hanno iniziato a ripensare i tipi di competenze necessarie per avere successo negli affari. Inoltre, la sovrabbondanza di persone con titoli di studio negli anni ‘ 90 ha costretto i laureati delle scuole di business a differenziarsi dalle loro controparti.

Anche le business school si sono trovate coinvolte in un dibattito sulla fornitura di esperienze di business nel mondo reale agli studenti attraverso programmi di imprenditorialità. I fautori di tali programmi sostengono che gli studenti richiedono pratica, hands-on preparazione per l’avvio e l’esecuzione di imprese, mentre a scuola, in modo che quando sono laureati possono avviare o eseguire immediatamente le imprese. Scuole come l’Università della California alla Hass School of Business di Berkeley offrono tali programmi di imprenditorialità finanziati dalla scuola. Altre scuole come Harvard Business School sostengono che se gli studenti lanciare e gestire le imprese, mentre a scuola, si perderanno su una formazione aziendale generale. Invece, queste scuole esortano gli studenti ad acquisire esperienza di business nel mondo reale lavorando in una società per tre o cinque anni dopo la laurea.

Inoltre, le classi aziendali hanno iniziato a concentrarsi maggiormente sulle capacità di comunicazione alla fine del 20 ° secolo. Indagini e studi alla fine degli anni 1980 e all’inizio degli anni 1990 hanno concluso che le competenze cruciali ricercate dalle aziende in ultima analisi erano le capacità di comunicazione, in particolare parlare e ascoltare. Di conseguenza, più classi di business come la contabilità e il marketing hanno iniziato a cercare di affinare le capacità comunicative degli studenti oltre a insegnare i principi e le tecniche della disciplina.

Inoltre, una serie di studi e relazioni di osservatori e professionisti dell’educazione aziendale indicano che le aziende cercano dipendenti con capacità pratiche di problem-solving, conoscenza di come gli Stati Uniti l’economia funziona e una comprensione generale degli aspetti chiave del business come contabilità, finanza, marketing e acquisti—oltre a competenze tecniche specifiche, gli studenti imparano dai corsi di business.

LA STORIA DELLA COLLEGIATE BUSINESS EDUCATION

Nel 1881 l’Università della Pennsylvania attraverso la sua Wharton Business School è diventata la prima università negli Stati Uniti per offrire formazione universitaria nel mondo degli affari. Circa un decennio più tardi, Dartmouth College ha offerto il primo master in business attraverso la sua Tuck Business School. Inizialmente, corsi di business universitari concentrati su scienze politiche, diritto, economia, e le osservazioni e consigli di imprenditori di successo. Questi corsi si sforzarono di insegnare metodi pratici di contabilità, finanza e produzione.

Intorno alla prima guerra mondiale, il curriculum della business school iniziò a cambiare includendo nuove discipline come il marketing, la gestione e le relazioni datore di lavoro/dipendente. Allo stesso tempo, le business school hanno implementato il metodo case of learning (analisi interattiva dei problemi aziendali reali o “casi”) e hanno iniziato a concentrarsi sulla ricerca correlata al business. Tra il 1946 e il 1966, business school ampliato non solo le loro offerte, ma anche la loro iscrizione, mentre i loro corsi hanno continuato a cambiare. Durante questo periodo, gli studiosi di business hanno iniziato a visualizzare la gestione e altri campi di studio aziendale come scienze. Di conseguenza, i ricercatori aziendali hanno preso in prestito teorie e principi dalle scienze del comportamento e li hanno applicati alla teoria aziendale.

Dal 1960, lauree in business è diventato popolare, in particolare il master of business administration (MBA). I programmi di dottorato aziendali hanno iniziato ad attirare molti studenti che altrimenti avrebbero potuto scegliere gradi in campi come economia, psicologia e legge. Dal 1960 al 1980, le business school hanno ottenuto un maggiore riconoscimento come istituzioni accademiche e hanno ricevuto un maggiore interesse da parte degli studenti. Nei primi anni 1960, solo circa il 15 per cento degli studenti universitari del paese laureato in affari, ma entro la metà degli anni 1980, circa il 25 per cento di tutti gli studenti laureati laureato in affari. Inoltre, il numero di MB ricevuti è aumentato da 5.800 a oltre 70.000 durante lo stesso periodo.

PROGRAMMI DI FORMAZIONE AZIENDALE

I tradizionali programmi di formazione aziendale universitari offrono corsi che insegnano agli studenti i fondamenti della gestione, del marketing, dell’etica, della contabilità e di altri campi aziendali correlati. Gli studenti possono guadagnare gradi che vanno dal grado di un associato a un dottorato di ricerca (dottore in filosofia). Alcuni programmi possono consistere solo di lavoro di classe, mentre altri—come programmi di educazione cooperativa e stage —combinano accademici con la formazione on-the-job.

L’istruzione cooperativa (co-op) consente agli studenti di apprendere concetti e tecniche di business attraverso corsi universitari e di acquisire esperienza lavorativa legata alle loro major. I programmi co-op sono disponibili in una vasta gamma di settori aziendali, ad esempio, sistemi informativi, contabilità e vendite. I partecipanti si iscrivono a un programma educativo post-secondario mentre sono impiegati in un lavoro correlato. La maggior parte dei partecipanti co-op sono pagati dai loro datori di lavoro. Il programma co-op fornisce agli studenti l’esperienza di lavoro di cui hanno bisogno per ottenere un impiego a tempo pieno dopo la laurea. Più di 1.000 istituti di istruzione post-secondaria e 50.000 datori di lavoro partecipano a programmi co-op in tutti gli Stati Uniti.

Gli stage sono strettamente correlati ai programmi co-op. La differenza principale, tuttavia, è che coloro che partecipano a programmi di stage generalmente non sono pagati, in quanto gli stage sono progettati specificamente per fornire ai partecipanti un’esperienza lavorativa. Stagisti di solito trascorrono un semestre-di solito in primavera e in estate—in un business fuori dal campus. Il numero di stage disponibili per gli studenti è aumentato del 37 per cento tra il 1992 e il 1997, raggiungendo più di 40.000, secondo Peterson Stage 1997. Stage beneficio sia gli studenti e le aziende in quanto gli studenti coltivano hands-on competenze di business, mentre le aziende sono offerti un basso costo, metodo a basso rischio di formazione e assunzione di dipendenti.

IL PROGRAMMA MBA

Orientato a fornire competenze pratiche e applicabili, il programma master of business administration (MBA) costituisce uno dei tipi più comuni di formazione aziendale formale. Graduate business school come Harvard Business School e la Wharton Business School (University of Pennsylvania), così come molte piccole e talvolta non accreditati business school offrono programmi MBA. Nel corso dei decenni, l’MBA si è evoluto in un programma che si concentra sulla promozione delle capacità di gestione. Di conseguenza, i programmi MBA si sforzano di produrre manager qualificati fornendo una combinazione di formazione pratica e accademica. Le scuole di business impostano come obiettivi impartire solide capacità analitiche, di comunicazione e organizzative, che richiede una gestione efficace.

I programmi e i requisiti MBA variano da scuola a scuola. Alcune scuole sottolineano le competenze aziendali generali che i laureati possono applicare a una serie di campi, mentre altri consentono agli studenti di specializzarsi in settori come la gestione industriale. Inoltre, la maggior parte delle scuole offrono programmi di joint-laurea come MBA/M. A. in biblioteconomia o MBA/J. D. programmi. Tuttavia, i programmi MBA di solito includono le seguenti classi principali: contabilità, economia, finanza, comportamento organizzativo umano, marketing e produzione. Mentre i programmi MBA si sono concentrati sull’insegnamento delle capacità analitiche generali negli 1970 e 1980, hanno iniziato a enfatizzare la formazione specializzata o personalizzata per ambienti aziendali strutturati in collaborazione in risposta alle richieste della comunità imprenditoriale.

L’MBA offre ai suoi titolari vantaggi significativi, tra cui credibilità manageriale, competenze certificate e occupazione e potere di guadagno. In primo luogo, business-school laureati dimostrano impegno per le loro professioni e carriere, nonché la leadership ottenendo MB As. In secondo luogo, a causa dei requisiti fondamentali della maggior parte dei programmi MBA, titolari di MBA possiedono, per lo meno, un insieme di base di competenze di gestione ricercate dai datori di lavoro. In terzo luogo, i destinatari MBA guadagnano molto di più rispetto ai loro omologhi BBA (bachelor of business administration) e molto di più rispetto ai destinatari B. A., secondo il Consiglio del Consiglio del College. Gli studenti delle principali scuole di business, ad esempio, in genere ricevono più offerte e stipendi di partenza che vanno da $75.000-$150.000, secondo la rivista Fortune.

ULTERIORI LETTURE:

Branch, Shelly. “Gli MBA sono di nuovo caldi-e lo sanno.”Fortune, 14 aprile 1997.

Verde, Kenneth C., e Daniel T. Seymour. Chi correra’, General Motors? Princeton, NJ: Guide di Peterson, 1991.

Ryan, Cathy e Roberta H. Krapels. “Organizzazioni e stage.”Business Communication Quarterly, dicembre 1997.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.