Le vostre domande sui test a campione Split (E altro), risposta

Nel corso della scorsa settimana abbiamo ricevuto numerose e-mail che fanno domande sul processo di test a campione split, mentre il mondo delle corse attende le prossime notizie nello scandalo Medina Spirit Kentucky Derby. Abbiamo ottenuto ancora più domande dopo Louisville Courier-Journal giornalista Tim Sullivan ha rivelato che il campione split preso dopo corsa Kentucky Derby di Medina Spirit non è stato ancora inviato per l’analisi.

Abbiamo esaminato brevemente il processo l’anno scorso, quando i fan delle corse sono diventati irrequieti in attesa dei risultati del campione split della 2020 Arkansas Derby card, ma abbiamo voluto affrontare alcune delle domande specifiche di questo caso.

Abbiamo parlato con la dottoressa Mary Scollay, direttore esecutivo del Racing Medication and Testing Consortium (RMTC) ed ex direttore medico equino della Kentucky Horse Racing Commission, per saperne di più su come funziona normalmente questo processo normativo. (Al personale attuale della commissione è vietato discutere un caso in corso, in particolare uno come questo in cui il campione frazionato non è ancora stato testato.)

Che cos’è un campione diviso e come viene raccolto?

Il campione diviso, o campione “B”, viene raccolto contemporaneamente al campione primario, nel granaio di prova dopo la gara. L’urina o il sangue vengono raccolti dal cavallo e successivamente divisi in due contenitori. Uno di questi viene inviato per analisi dal laboratorio appaltato dalla commissione – in questo caso, Laboratori industriali – per test post-gara. L’altro è memorizzato sotto chiave nella traccia in cui è stato raccolto.

Se un laboratorio trova e conferma un positivo al farmaco o un eccesso nel campione primario, il formatore viene informato e ha fornito l’opportunità di richiedere il test split. Il formatore è autorizzato a selezionare quale laboratorio testerà il campione, e in molti luoghi è richiesto di selezionare un laboratorio con un certo livello di accreditamento, come l’accreditamento RMTC. Tutti i laboratori accreditati RMTC sono in grado di eseguire test a campione diviso.

Quanto spesso i campioni divisi sono negativi e cosa succede se lo sono?

Se un campione frazionato è negativo, o se il laboratorio frazionato trova la sostanza in questione ad un livello inferiore alla soglia normativa, non vi è alcuna violazione delle regole e quindi nessuna sentenza emessa.

Scollay ha detto che nella sua esperienza alla commissione del Kentucky, era estremamente raro che una scissione tornasse negativa.

“Forse più di 11 anni, forse ce n’erano quattro”, ha detto. “Posso solo pensare a una divisione in tutti quegli anni in cui un laboratorio ha riportato una scoperta e il laboratorio di divisione non l’ha rilevata. E in quel caso particolare era una sostanza abbastanza oscura.”

I laboratori split sample sanno di chi stanno testando il campione?

Non dovrebbero. In circostanze normali, il laboratorio avrebbe ricevuto il campione dalla giurisdizione appropriata e sarebbe stato detto quale sostanza era stata trovata e in quale concentrazione. Non sarebbe stato detto l’identità del cavallo, allenatore, o razza. A tutti i campioni di test vengono assegnati numeri al momento del campionamento per mantenerli anonimi ai laboratori di test di campioni primari e divisi.

Scollay ha detto che la pubblicità intorno a questo campione diviso potrebbe portare a una riluttanza da parte di alcuni laboratori a prendere il campione – ma ha anche sentito da almeno un direttore di laboratorio che non è convinto che sarebbe un fattore.

In che modo un test a campione diviso è diverso dal test originale?

Un test a campione diviso sarebbe lo stesso dell’analisi di conferma eseguita dal laboratorio di test primario. Quando il laboratorio di test primario ottiene un campione post-gara, sarà prima schermo il campione contro il suo catalogo di sostanze per vedere se qualcuno di loro sono presenti. Quando lo fa identificare uno, quindi deve eseguire analisi di conferma per decidere quanto del farmaco è presente nel campione.

Il laboratorio campione diviso non schermerà la divisione rispetto al suo catalogo, ma eseguirà invece analisi di conferma simili a quelle eseguite dal laboratorio primario. Il laboratorio del campione diviso è fornito con la concentrazione dalla prova originale soltanto per aiutare i tecnici a scegliere i calibratori adeguati per una lettura accurata.

“La concentrazione stimata, la ragione che viene fornita è in modo che sappiano quali calibratori – concentrazioni positive note – devono eseguire per determinare con precisione la concentrazione sul campione”, ha detto. “Se sai che la concentrazione è cinque, i tuoi calibratori potrebbero essere uno, due, cinque, sette e dieci. Ma se non conosci la concentrazione, i tuoi calibratori potrebbero essere uno, 10, 25, 50 e 100. Quindi non sei in grado di ottenere una stima molto accurata della concentrazione.

” Stai cercando di inserire il tuo sconosciuto o il tuo campione nel mezzo dell’intervallo di concentrazioni note. Pensate a se si dispone di otto o dieci bicchieri di acqua e si mette colorante alimentare blu in uno e continuare a diluire attraverso gli occhiali fino a quando non diventa più leggero e più leggero. Hai un bicchiere con il blu in esso e si sta andando ad allineare che fino a cercare di vedere quale di quei blu colorato è più vicino al tuo colore.”

Non è insolito che ci sia una variabilità del 25% tra i laboratori quando si arriva a misure molto piccole come i picogrammi. Per le sostanze che hanno soglie che regolano la quantità di un farmaco è considerato legale, che può fare una grande differenza. (In questo caso, tuttavia, non esiste una soglia per il betametasone, quindi qualsiasi importo sarebbe considerato una violazione.)

Una volta che il laboratorio inizia effettivamente l’analisi, ci vuole la stessa quantità di tempo come il test iniziale post-gara – ma il hold-up è di solito la pianificazione. Il dottor Scott Stanley ci ha detto l’anno scorso che non è insolito aspettare da tre a quattro settimane nella stagione non impegnativa per ottenere un risultato diviso. Dati i vincoli della pandemia di COVID-19 sui livelli di personale, si aspettava che il campione ciarlatano split nel 2020 impiegasse da sei a otto settimane; alla fine, gli steward in Arkansas hanno emesso una sentenza il 15 luglio per le gare eseguite la prima settimana di maggio.

Come viene scelto il laboratorio campione diviso e quanto tempo ci vuole?

Il processo di scelta di un laboratorio dipende da alcuni fattori. Labs può rifiutare una richiesta di campione diviso per vari motivi. Come abbiamo spiegato l’anno scorso, il lavoro a contratto (come i test post-gara e TCO2) è la priorità principale per i laboratori di test, perché è quello che paga le bollette. La primavera e l’estate sono i periodi più frequentati per i laboratori di prova, in quanto vi è corsa in corso in più luoghi che non vi è in inverno.

Scollay ha detto nel suo ruolo alla commissione del Kentucky, non era raro che i laboratori le dicessero che potrebbero volerci settimane prima che fossero in grado di promettere un risultato – o addirittura mesi.

“Quando ho lavorato per la commissione ippica, era il mio obiettivo assicurarsi che un allenatore avesse sempre una scelta e talvolta significava due laboratori”, ha detto. “I laboratori risponderebbero:” Siamo molto indietro ” o “Abbiamo un sacco di analisi di conferma allineate” o ” Il nostro tempo di consegna dovrebbe essere di 12 settimane.’

“Non ricordo l’ultima volta che ho ricevuto una risposta positiva da tutti i laboratori accreditati RMTC. Non lo so, non l’ho mai fatto.”

Se c’è qualche tipo di back-up per il lavoro regolare del laboratorio – nuove attrezzature, problemi di personale, ecc. – ciò ha un effetto a catena sui test regolari e, quindi, sui tempi di campionamento divisi.

Può anche importare quale sostanza è coinvolta; se il laboratorio primario ha trovato un farmaco insolito, o un farmaco non comune a una concentrazione particolarmente piccola e il laboratorio che riceve la richiesta di campione diviso sa già che non può testare in modo affidabile quella sostanza allo stesso limite, rifiuterà la richiesta di campione diviso. Scollay ha detto che in questo caso, questo non dovrebbe essere un problema perché il betametasone è un farmaco terapeutico controllato che i laboratori di test incontrerebbero frequentemente. Si aspetta che tutti i laboratori accreditati RMTC abbiano la stessa sensibilità dei test quando cercano questa particolare sostanza.

Perché non possiamo eliminare i ritardi facendo sì che i formatori scelgano laboratori di campioni divisi e inviino campioni prima che il primo round di test ritorni?

Per prima cosa, sarebbe incredibilmente costoso per commissioni o cavalieri pagare per il doppio test da eseguire su ogni campione. Per un altro, i campioni divisi non sono obbligatori – un allenatore può decidere di rinunciare al suo diritto al test e prendere la penalità se ritengono che non valga la pena combattere il positivo.

Soprattutto, Scollay ha detto che le differenze nelle capacità di test per sostanze rare e la variazione delle scadenze per ogni laboratorio durante l’anno renderebbero privo di significato scegliere un laboratorio prima di sapere quale sostanza potrebbe essere in gioco.

“Sarebbe sciocco per una commissione acconsentire a questo, perché se il laboratorio non può fare il lavoro e il campione viene inviato a loro, un test positivo viene negato e questo certamente non supporta l’integrità del gioco”, ha detto.

Quindi quando Baffert sarà bannato?

Aspetta un minuto. I regolamenti Kentucky sono molto chiare circa le sanzioni steward possono consegnare a un allenatore per le violazioni di farmaci. Mentre gli viene data una gamma di potenziali lunghezze di sospensione e multe per lavorare all’interno, non hanno la latitudine di buttarli fuori dalla finestra e revocare la licenza di un allenatore. Secondo le normative vigenti, il betametasone è un farmaco di classe C in Kentucky, e Medina Spirit sarebbe la seconda classe C di Baffert in 365 giorni se la divisione è positiva. (L’eccedenza di Merneith per dextrorphan e le due eccedenze di lidocaina dell’anno scorso rientrano in diverse classi di farmaci secondo gli standard del Kentucky. Quindi, anche se questo è il quinto eccesso terapeutico di Baffert in un anno, è solo il secondo di questo tipo.) L’intervallo di penalità per una violazione di seconda classe C in 365 giorni è una sospensione da 10 a 30 giorni e una multa da 1 1,500 a $2,500.

Scollay ha detto che c’è una regola catch-all in Kentucky, come in molti luoghi, progettata per affrontare una condotta “contraria ai migliori interessi delle corse”, ma in genere è riservata a situazioni più estreme, non a eccessi terapeutici.

Che dire della squalifica del cavallo?

Lo stesso regolamento Kentucky, Titolo KAR 810, Capitolo 8, Sezione 030, afferma che un reato di prima classe C per un proprietario “deve” comportare la squalifica e la perdita di borsa. A differenza delle sanzioni per gli allenatori, non è inclusa alcuna lingua che consenta agli steward di prendere in considerazione le circostanze attenuanti. Il proprietario di Medina Spirit Amr Zedan ha ingaggiato un avvocato che si sta già preparando a sostenere che gli steward non sono tenuti a squalificare un cavallo.

Novità del rapporto Paulick? Clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter quotidiana per tenere il passo su questa e altre storie che accadono nel settore purosangue.
Copyright © 2021 Paulick Relazione.

Questo articole è stato pubblicato in Cura del cavallo, Cura del cavallo NL articolo, NL articolo e contrassegnati Bob Baffert, Dr. Mary Scollay, farmaci in corsa, kentucky horse racing commission, Medina Spirit, campione split test post-gara drug testing da Natalie Voss. Segnalibro il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.